Non ti muovere

  • Un giovedì

    Foto, quadri,
    e disegni.

Guerra in Irak. Il conto dei morti.

o r o g r a f i a


  • Quel raggio di sole
    ha scritto qualcosa sui tuoi fianchi
    e una A mi ha colto
    così come colsi more

Fischio Carosello?


  • Lena_h
    Download fischio_carosello.mp3

1 9 6 8 - 2 0 0 7


  • 59_2

Canzone dell'appartenenza


  • L'appartenenza
    non è lo sforzo di un civile stare insieme
    non è il conforto di un normale voler bene
    l'appartenenza è avere gli altri dentro di sé.

    L'appartenenza
    non è un insieme casuale di persone
    non è il consenso a un'apparente aggregazione
    l'appartenenza è avere gli altri dentro di sé.

    Uomini
    uomini del mio passato
    che avete la misura del dovere
    e il senso collettivo dell'amore
    io non pretendo di sembrarvi amico
    mi piace immaginare
    la forza di un culto così antico
    e questa strada non sarebbe disperata
    se in ogni uomo ci fosse un po' della mia vita
    ma piano piano il mio destino
    é andare sempre più verso me stesso
    e non trovar nessuno.

    L'appartenenza
    non è lo sforzo di un civile stare insieme
    non è il conforto di un normale voler bene
    l'appartenenza
    è avere gli altri dentro di sé.

    L'appartenenza
    è assai di più della salvezza personale
    è la speranza di ogni uomo che sta male
    e non gli basta esser civile.
    E' quel vigore che si sente se fai parte di qualcosa
    che in sé travolge ogni egoismo personale
    con quell'aria più vitale che è davvero contagiosa.

    Uomini
    uomini del mio presente
    non mi consola l'abitudine
    a questa mia forzata solitudine io non pretendo il mondo intero
    vorrei soltanto un luogo un posto più sincero
    dove magari un giorno molto presto
    io finalmente possa dire questo è il mio posto
    dove rinasca non so come e quando
    il senso di uno sforzo collettivo
    per ritrovare il mondo.

    L'appartenenza
    non è un insieme casuale di persone
    non è il consenso a un'apparente aggregazione
    l'appartenenza
    è avere gli altri dentro di sé.

    L'appartenenza
    è un'esigenza che si avverte a poco a poco
    si fa più forte alla presenza di un nemico,
    di un obiettivo o di uno scopo
    è quella forza che prepara al grande salto decisivo
    che ferma i fiumi, sposta i monti
    con lo slancio di quei magici momenti
    in cui ti senti ancora vivo.

    Sarei certo di cambiare la mia vita
    se potessi cominciare a dire noi.

    di Gaber - Luporini

Appunti, spunti
i e letture


  • Il melanconico come il perverso ha bisogno di crearsi un oggetto feticcio.
    E' un senso costante di incompiutezza e incompletezza.
    Nella melanconia l’elaborazione è bloccata,
    il destino della pulsione è senza meta,
    è una ricerca incessante:
    questo anelito costante è una delle perversioni del melanconico.
    All’origine esiste una disillusione primordiale,
    ancora prima che si crei l’oggetto.

    Il melanconico si aggrappa all’ideale per sopravvivere,
    avviene un suicidio dell’oggetto
    che comporta al desiderio di orientarsi
    verso l’oggetto parziale e quindi non raggiungibile. L’attrazione per la morte o l’assente
    fa sì che la vita sia una deprivazione affettiva
    e il melanconico si associa alla perversione per evitare il vuoto angoscioso. 

    “ E’ quella l’esperienza che ho avuto ed  è a quella che ritorno”.

Renato Serra la pensava così (1884-1915)



  • Non dar nessun giudizio –
    non fidarsi a nessuna impressione
    se non dopo aver conosciuto veramente
    e per minuto e coi miei soli occhi l'argomento.
    Non parlar di un autore per averne letto un brano in una antologia –
    o peggio uno studio critico [...]
    Veder tutto: tutte le opere,
    le lettere, la persona, i fatti della vita,
    le malignità dei contemporanei;
    e non giudicare, no, mai, –
    che è di gaglioffi senza pudore –
    ma comprendere – sentire la qualità dell'animo,
    del pensiero e dello stile.

Sopra le righe, sotto le righe

  • J. Chassenguet-Smirgel: Creatività e perversione
  • Robert Burton: Anatomia della malinconia
  • Percival Everett: Cancellazione
  • Carlos Ruiz Zafon: L'ombra del vento
  • Juan Bas: Trattato sui postumi della sbornia
  • Jeanette Winterson: Il mondo ed altri luoghi
  • Italo Calvino: Prima che tu dica "pronto"
  • Daniele del Giudice: Mania
  • Alessandro Perissinotto: L'ultima notte bianca
  • Sonetti
    Stéphane Mallarmé

Rispetto

« Turista per casa | Principale | La percezione della sera »

Commenti

Rapida

*morto, sì, non molto, ma morto morbido.

marckuck

sei perfetta. e le belle signore per definizione si fermano a 36

Topo

L'arte è davvero pubblica, e tu hai scritto una delle cose più belle che ti ho sentito scrivere.
Mio fratello e io abbiamo preservato mio papà perché morisse morbido, e, anche se martedì sera era come di vetro, non l'abbiamo messo in vetrina. Chi passa ha le sue fonti, e nemmeno Milly Carlucci col suo gps te le può estorcere. Bacioni, gio

laura

'coppie finite nella gita sbagliata';e già, pensavano di andare a Ibiza, sono ancora li' che cercano la spiaggia.
Ti dirò che l'idea di stare chiusi in un ascensore confessionale cinque giorni con una Milly Carlucci confessore è agghiacciante(quasi com ecinque giorni in un ascensore confessionale con Antonella Clerici col grembiule)

nuvola

so che riusciresti a scovare l'anima nascosta di ogni luogo, ma stamani in spiaggia, pensando ai tuoi continui riferimenti all'arte marinara, da figlio di pescatore, mi chiedevo quanto ti mancasse il mare e la sua assenza di confini.
baci salati

Gianluca Parravicini

In ognuno di noi c’è un po’ di Parigi, io per esempio quando ho le mani in tasca e canticchio per strada mi sento parigino, poi, quando inciampo nel maledetto pavè mi sento subito milanese, quando mi accendo la pipa la domenica pomeriggio mi sento inglese, quando in autostrada sono in coda per un infinito cantiere, come ieri, mi sento tremendamente italiano. ciao

Rapida

marckuck: ah, grazie marckuck. Ma dammi della signorina...
(sorrido)

topo e gio: grazie, sei sempre gentile con me. Quel che viene dopo mi ha molto colpito, ecco dove sei stato nei giorni passati.

laura: la prova del cuoco in meno di un metro quadrato metterebbe a dura prova anche un cuoco. Non so cosa ho scritto, ma chiedo perdono in anticipo.

nuvola: del mare mi manca il profumo e la sua mancanza di confini, appunto. Manca tanto, sì. Anche i ricci aperti al tramonto ed un pezzo di pane e un bicchiere di vino bianco fresco.

gianluca parravicini: sintesi perfetta del nostro incessante mutare emigrando.

zauberei

Che bella Paraigi che ci hai Pilla Rapidilla:) tieniti gli occhi con cui la guardi.

Simona

Bellissimo...sei riuscita ad esprimere molto poeticamente anche il mio modo di girare per la città...

Mayra G Louis

Non l'ho mai visitata con le mie gambe, nè tanto meno con gli occhi. Ma oggi, mi ci hai portata tu!
un abbraccio
Mayra G Louis

Serpentina di Schietti

attenzione messaggio di Schietti per ariano irpino


niente fretta, le battaglie si vincono in un giorno, le guerre in cent'anni

se nello scontro frontale sono più forti , non cadete nella trappola di Agnoletto, Casarini, Perino, Zanotelli, Caruso, del corpo a corpo

Indietreggiate e poi portate giù a Napoli venti camion di letame

Per ogni camion di merda che arriva, ne portate uno a Napoli, o ad Avellino

POI DOVETE FARE IL COORDINAMENTO DI CRISI IN MODO CHE OGNI COMUNITà MONTANA VI MANDI ALMENO UNO O DUE NONNI DEI LORO PENSIONATI MA CON STENDARDO PER FAR VEDERE CHE NON SIETE SOLI

IN QUESTO MODO POI IN VAL DI SUSA PORTERANNO UN CAMION DI MERDA A TORINO

DALLA VALTELLINA UNO DI MERDA A MILANO

DALLE VALLI UMBRE UNO DI MERDA A ROMA

E COSì VIA

INFORMATI SUI METODI BASTARDI DEI NEMICI DELL'UMANITà

FRA I DUE LITIGANTI IL TERZO GODE

SE TI SCONTRI CON LA POLIZIA CHI GODE?

MEGLIO UN PROIETTILE IN FACCIA DA UN FOLLE ISOLATO A BASSOLINO CHE FARVI MALMENARE DAI CELERINI.

Serpentina di Schietti

@ SCUSAMI SCHIETTI MA IO NON HO ANCORA CAPITO SE SEI DI SINISTRA O DI DESTRA...

http://fondo-investimento-etico.blog.kataweb.it/

Sono antifascista e anticomunista, non saprei neanch'io.

Prova a guardarla da un altro punto di vista.

Cerca di capire chi finanzia la divisione della società in destra e sinistra portandoci a scontri su problemi secondari senza cambiare le ingiustizio di fondo del mondo e quindi a chi fa comodo questa faccenda sinistra-destra che altrove è repubblicani-democratici.

E adesso prova ad immaginare dei nuovi paradigmi:

violenza-nonviolenza

diritti umani - emarginazione

rispetto ambiente - sfruttamento irrazionale delle risorse

pace - guerra

prosperità - povertà

salute gratuita - salute a pagamento

acqua ed energia gratis - acqua ed energia costosissme

metodo scientifico esperimentale - creduloneria superstiziosa.

NELLA MAGGIOR PARTE DEI PAESI CON CUI LAVORO NON HANNO LA MINIMA IDEA DI COSA SIA IL CONCETTO SINISTRA -DESTRA-

E io non ho la minima idea di quali siano le loro problematiche , spesso di natura etnica, territoriale, o di caste sociali.

Quindi più interessante di sinistra e destra, visto che il male è ovunque, è creare dei paradigmi che vadano bene a livello globale.

Si trata di applicare il punto di vista globale.

amici dell'umanità -nemici dell'umanità

comunità etiche tribali - deriva nichilista metropolitana

rifiuti tossici nocivi plastificati - raccolta differenziata, confezioni di mais biodegrabili, prodotti riciclabili 100%

FORZA ARIANO IRPINO

INDUSTRIALE_SNAKABAR

NON SI CAPISCE COME SI POSSA ESSERE UOMINI DI OGGI CIOE UOMINI ECONOMICI E PARTE DEL MECCANISMO ECONOMICO DEL PAESE E POI PRENDERSELA CON LE MERENDINE!!! COSA DOVREMMO FARE LICENZIARE TUTTI GLI OPERAI CHE GIA COSTA L'IRA DIDDIO???? IO LO FAREI PURE MA POI DEVO PURE ANDARE IN GALERA? CON TUTTO LO SMOG CHE RESPIRATE VI LAMENTATE DEI CONSERVANTI??? E CHE VOLETE CHE METTO IN COMMERCIO GLI SNACKS COI VERMI!!!!??? GIA E' DIFFICILE COMBATTERE TOPI E SCARAFAGGI E SAPESTE QUANTO MI COSTANO NE... POI SECONDO VOI E' PIU SANA LA SALSICCIA SOTT'OLIO DELLA NONNA RINCOGLIONITA CHE UN OTTIMO MERENDINO AL GUSTO DI CIOCCOLATO? ALMENO SIETE CERTI CHE NON L'HA TOCCATO LA NONNA CON LE MANI DOPO ESSERE ANDATA AL WC A SGAGAZZARE COME UNA RENNA IMBUFALITA!!!! MA FATEMI UN PIACERE E PENSATE ALL'ECONOMIA DI QUESTO POVERO PAESE DI PROVINCIALOTTI CAGASOTTO.

Domenico Schiietti

Vorrei discutere con qualcuno della comunità ebraica di Milano su questa cosa qua e decidere cosa fare agli altri se dobbiamo comportarci allo stesso modo che avete de,ciso voi per quello che hanno fatto a voi:

Il 24 aprile del 1500 la flotta comandata dal portoghese Pedro Alvarez Cabral scopriva le coste del Brasile. Quarantun anni dopo Francisco de Orellana durante la sua leggendaria navigazione sul Rio delle Amazzoni, incontrava una popolazione indigena numerosa, che stimava in 4-5 milioni di abitanti.

Nel 1970 centinaia di etnie erano scomparse e gli indios si erano ridotti a circa 100 mila persone.

Oggi sono a quota 300 mila e rialzano la testa. Chiedono un rapporto diverso con i bianchi, il diritto alla loro terra e alla loro cultura

Domenico Schiietti

PER ARIANO IRPINO

Allora se avete capito che vanno fatti due gruppi, quello di moderati capitanato dal sindaco che chiedono il rispetto della legalità e che non vogliono la discarica, sempre nonviolenti, con mamme e bambini

e quello degli ultras che non vogliono la discarica a nessuno costo, pronti anche a fare a botte a mettere bombe, tipo uck e rugova per intenderci, tipo br e comunisti

Se avete capito poi dovete fare anche il comitato che vuole la discarica composto esclusivamente da gente dei vostri che non vuole la discarica.

questo comitato deve fare manifestazioni per la discarica... però solo se sono tutti d'accrodo.... che vogliono la discarica.... però cento metri più in là

poi dovete fingere che il sindaco venga malmenato di notte mentre rincasava da qualcuno del comitato pro discarica e fare gran cagnara che questi metodi violenti di quelli che vogliono la discarica non vanno bene... e così via

NON DOVETE FARE IN MODI CHE ALTRI SI INSERISCANO NEL CONFLITTO, DOVETE GESTIRE L'ALA ULTRAS, L'ALA MODERATA, E L'ALA FAVOREVOLE ALLA DISCARICA

TIPO GLI EBREI CHE FINANZIANO COMUNISTI, FASCISTI, P2, ULIVO, REPUBBLICANI, DEMOCRATICI, E CHE NELLA SECONDA GUERRA MONDIALE FINANZIAVANO HITLER, MUSSOLINI, GLI AMERICANI, GLI INGLESI, I RUSSI E ANCHE GLI SLAVI... TUTTI TRANNE GLI ITALIANI

però la cosa più importante è che capiate che si tratta di un complotto globale e che ad uno ad uno stanno eliminando i loro nemici, e quindi fanno come i gnocchi, uno dopo l'altro se li mangiano tutti

Ora è il vostro turno, se non capite che bisogna allearsi con tutte le altre comunità montane escludendo gli ebrei comunisti, noglobal, fascisti e i cattolici deviati di origine ebrea come ratzinger e zanotelli siete rovinati

bisogna coalizzare tutti i popoli tribali di italia e del mondo contro i nemici dell'umanità che stanno sferrando un attacco dietro l'altro ai popoli tribali ed uno a uno li stanno eliminando

NON E' UN PROBLEMA DI DISCARICA, MA DI ATTACCO AL VOSTRO POPOLo

Domenico Schiietti

a Milano tutti sanno che ad un certo punto bisogna preparare il culo perchè arriva il tram che ti ci deve finire dentro

L'hanno capito tutti subito

i senegalesi non ne mandano più uno che non sia disposto a mettersi alla fermata del tram che ti deve arrivare nel culo

I filippini son bravissimi, li allenano a casa

anche i peruviani sin da piccoli quelli che devono venire a milano li preparano dicendo che se vogliono andare a Roma sono sempre in tempo, però che a Milano c'è il jumbo

Gli ebrei niente, continuano a pensare che a Milano non ci sia il giorno del tram

Qualcuno ogni tanto accenna al giorno della banana

ma non è la stessa cosa fra scivolare su una banana e prendersi un tram nel culo

ORA POI CI SONO I JUMBO E SE SI FINISCE ALLA FERMATA DEL JUMBO, NON SI PUò SCEGLIERE, BISOGNA CALARE LE BRAGHE E METTERE IL CULO A DISPOSIZIONE DEL JUMBO

Allora a Milano non voglio sentire bambine viziate ebree che raccontano che il loro popolo subisce genocidi

Ho contato nel mondo centinaia di milioni di ebrei e non c'è nessun rischio di estinzione per gli ebrei

Nella seconda guerra mondiale erano un potenza nemica dei tedeschi e li hanno internati alla stessa stregua di slavi, polacchi, rom, italiani, francesi, russi

Erano mischiati fra la popolazione e dovevano distinguere gli amici dai nemici

al fronte sparavano sui nemici, in casa li marchiavano e li internavano

INVECE MI RISULTA CHE IN AMAZZONIA SIANO SCOMPARSI ED ABBIANO SUBITO GENOCIDIO OLTRE 200 POPOLI, E LE BAMBINE EBRAICHE NON LO SANNO

Devo discutere con voi di questa cosa, perchè state crescendo una massi di idioti ignoranti che si organizzano su presupposti sbagliati ed agiscono nel mondo in modo sbagliato su dati sbagliati senza un minimo di saggezza senza un minimo di applicazione di proverbi

E FANNO CAZZATE, LE VOSTRE DONNE SONO ISTERICHE, LE VOSTRE PIANIFICAZIONI SONO SBAGLIATE E CI STATE MANDANDO A RAMENGO TANTISSIMI ALTRI POPOLI, TANTISSIME SPECIE ANIMALI E LA BIODIVERSITA' DEL PIANETA

Rob

L'anima dei luoghi... bisogna cercarla, lasciarsene portare, c'è gente che dopo anni che abita in un posto lo prende ancora solo come il proprio palcoscenico. Da come scrivi mi sembra di capire che sei nel Marais, se è così devo dire che questa trasformazione la ho percepita molto anch'io che ormai capito a Parigi solo di sfuggita.

Comunque, scappare dalla folla balneare è uno snobismo giusto e necessario.

I commenti per questa nota sono chiusi.

La signora
del settimo cielo

  • La signora del primo cielo
    aveva sei anni ed uno zio
    che era anche un uomo nero

    La signora del secondo cielo
    ebbe paura di continuare
    e si fece un giro in ambulanza
    ed uno in ospedale

    La signora del terzo cielo
    scoprì il sesso e la poesia
    e li fece diventare chiari, profondi e prodigiosi

    La signora del quarto cielo
    si guadagnò il pane senza risparmiare

    La signora del quinto cielo
    morì e resuscitò
    senza nessuno che le disse
    alzati e cammina

    La signora del sesto cielo
    mise al mondo un altro mondo
    e duplicò il suo cuore

    La signora del settimo cielo
    ha la testa fra le nuvole
    e sorride a Saturno,
    signore della malinconia

Dossi di seppia


  • Tienimi i forte i polsi
    così che le mani impallidiscano

    come sa fare al viso lo scandalo
    quando s’imbatte in gente senza fantasia

Nostra Signora degli Alberi Uguali



  • Stringiti forte
    dentro al tuo cappotto nero
    tieni il tuo petto al caldo
    cammina veloce e asciugati
    il naso che ti cola
    col dorso della mano
    mentre lasci indietro
    due lacrime di freddo

    una madonna di passaggio
    portata in processione fuori stagione

    ventisette scalini ho contato
    per raggiungere l’altare

    e invece di sposarmi
    mi han sacrificata

    come un agnello
    pascolavo nell’Intervallo
    in mezzo ai miei fratelli di paesaggio

    Visso (Macerata) Gregge e Panorama

    Bist du bei mir di Bach
    arpeggiava

    Siamo come due alberi uguali,
    stessa terra e uguale destino.
    Nutrirci, senza toccarci mai.
    Horvat

Il viaggio di un secondo


  • Passava in auto
    davanti alla Gare de Lyon,
    ed ascoltava la radio.

    Cambiò stazione
    e si ritrovò
    alla Centrale di Milano.

Buio pesto


  • Il basilico dei tuoi occhi
    le tue dita pinoli

Pagine

Fronte, retro e amore.


  • Rosa


    0_3

luglio 2007

lun mar mer gio ven sab dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31