rapida.typepad.com > Non ti muovere

Disumana natura

Disumana natura

Un disegno di Stefano Centonze

"Che cosa diventiamo e che m'importano l'umanità, la beneficenza, la modestia, la temperanza, l'affabilità, la saggezza, la pietà, quando una mezza libbra di piombo sparata da seicento passi mi fracassa il corpo e io muoio a vent'anni fra tormenti indicibili, in mezzo a cinque o seimila moribondi, mentre i miei occhi, che si aprono per l'ultima volta, vedono la città dove sono nato distrutta dal ferro e dal fuoco, e gli ultimi suoni che odono le mie orecchie sono le grida delle donne e dei bambini che spirano sotto le rovine: tutto per i pretesi interessi d'un uomo che non conosciamo?"

(Voltaire, Dizionario Filosofico)

Precedente | Principale | Successiva